Visita guidata a Benevento
Guida Turistica Campania > Tours > Senza categoria > Visita guidata a Benevento

Per chi si trova in Campania non può che inserire nel proprio itinerario turistico una visita guidata alla città di Benevento. Benevento è una città romana sorta nel cuore del Sannio, collegamento tra il tirreno e l’adriatico, capitale di un principato vanto dei Longobardi del meridione. Affidarsi ad una guida turistica autorizzata è la scelta giusta per pianificare una visita guidata a Benevento, luogo dove si sono incontrati culti e tradizioni dell’oriente e dell’occidente romano, centro medievale stimolo di cultura e religione.

Agenzie viaggi e tour operator scelgono Benevento per proporla alle clientele più esigenti, sicuri di soddisfare a pieno le aspettative ad esempio di gruppi scuola per le gite scolastiche, gruppi organizzati o famiglie. La storia di Benevento e i suoi monumenti, tracce indelebili di una antica e gloriosa città del mezzogiorno, affascinano un pubblico variegato, dai bambini ai più anziani. Le visite guidate sono pianificate su misura del visitatore, le guide turistiche di Benevento propongono visite guidate alla città durante tutto l’anno su prenotazione e seguendo anche quelli che sono gli orari d’apertura dei musei e delle aree archeologiche.

Itinerario di visita a Benevento

Un monumento che ha incantato studiosi e viaggiatori di sempre è il l’imponente Arco di Traiano, oggi uno dei simboli di Benevento e della sua storia, costruito tra il 114 e il 117 è l’arco trionfale meglio conservato tra quelli eretti in tutto il mondo romano, con i suoi oltre 15 metri di altezza è riccamente decorato dai raffinati bassorilievi in onore dei successi ottenuti dall’imperatore di origine iberica che aveva portato l’impero di Roma alla sua massima estensione territoriale. L’arco monumentalizzava l’inizio della via traiana, una nuova via di collegamento stradale voluta dall’imperatore. Era una strada alternativa all’Appia che accorciava di due giorni il cammino tra Benevento e la Puglia. Il capoluogo sannita divenuto colonia latina nel 268 a.C. aveva cominciato a rivestire una notevole centralità nello scacchiere politico romano proprio in virtù della sua posizione (Area archeologica dell’Ipogeo del Duomo di Benevento) geografica strategica di cerniera tra Roma e il mediterraneo orientale. Durante l’età imperiale Benevento è interessata da un’importante monumentalizzazione urbana destinata a farla diventare (Area archeologica del Sacramento) una dei centri principali dell’Italia centro-meridionale. L’obelisco che oggi abbellisce piazza Papiniano è uno dei due obelischi gemelli che dovevano adornare l’ingresso monumentale di un grande tempio di Iside fatto costruire dall’imperatore Domiziano nel primo secolo dopo Cristo. Nell’ambito della sua politica imperiale assolutista ispirata ai grandi sovrani di tradizione orientale, primi fra tutti i faraoni, Domiziano aveva stabilito un profondo legame con (Museo ARCOS di Benevento) Iside, potente divinità dell’antico Egitto e aveva scelto Benevento, dove il culto di Iside era già diffuso a partire dal secondo secolo a.C. per erigere un tempio a lei dedicato. Tra la fine del primo e gli inizi del secondo secolo d.C. Benevento si dotò di un imponente teatro, i cui resti sono stati riportati alla luce intorno al 1920. Fra i teatri antichi conservati è uno dei più grandi e dei più belli, ha un diametro di novanta metri e poteva ospitare oltre diecimila spettatori. Fino al quarto secolo il pubblico affollava gli spalti di questo imponente edificio di spettacolo simbolo di una città ancora fiorente, poi verso la fine del secolo un rovinoso terremoto causò il crollo degli ordini superiori del teatro romano e diede inizio al declino della città romana. L’impero romano e poi quello bizantino non furono capaci di difendere Benevento dalle distruzioni apportate da visigoti, vandali e ostrogoti in Italia meridionale che culminarono nel 545 d.C. con la devastazione della città da parte del re goto Totila. Pochi decenni dopo, la ricostruzione delle mura cittadine ad opera dei Longobardi segnò la rinascita di Benevento.  Il travagliato passaggio tra l’età antica e quella medievale avvenne nel territorio del Sannio sotto il segno del ducato longobardo di Benevento istituito pochi anni dopo l’invasione del nord della penisola dei Longobardi di Algoino nel 568 d.C.  Nel settimo e nell’ottavo secolo a Benevento (Complesso Monumentale di Sant’Ilario a Port’Aurea) sorsero nuovi edifici di culto e arricchirono sempre di più il paesaggio urbano. Splendido esempio di questo rinnovamento della città è la chiesa di Santa Sofia, un edificio unico nel suo genere, frutto del progetto culturale e politico del duca Arechi II. Costruita subito dopo l’elezione di Arechi nel 758, la Basilica fu ricostruita in forme barocche alla fine del seicento e solo negli anni cinquanta del secolo scorso fu riportata a quella che presumibilmente doveva essere l’originale struttura longobarda. Una struttura incredibilmente originale ed innovativa. L’interno è scandito dall’insolito accoppiamento di un nucleo centrale esagonale formato da sei colonne con una corona decagonale costituita da otto pilastri e due colonne. Altrettanto spiazzante è la forma delle due pareti in parte circolare nella zona dove insistono le tre absidi e in parte a forma di stella. È qui che il duca fa deporre le reliquie di santi consoli alla cultura longobarda come il santo guerriero Mercurio ed è qui che celebra questi santi utilizzando il canto beneventano, un canto locale distinto da quello gregoriano che diventa l’emblema della religiosità longobarda del ducato. Benevento diventa anche la capitale di un principato longobardo che resisterà sino alla conquista dei Normanni. Accanto alla chiesa Arechi fece costruire un monastero femminile benedettino di cui divenne badessa la sorella Gariberga, il monastero di cui oggi si può ammirare lo splendido chiostro realizzato nel dodicesimo secolo divenne un grande polo di cultura, in particolare il suo scriptorium fu uno dei maggiori centri di produzione libraria del medioevo. In pieno medioevo mentre nel resto d’Italia non ci si sentiva più longobardi a Benevento e in gran parte del Mezzogiorno si rivendicava orgogliosamente la cultura longobarda di quel territorio, una cultura che oggi ha ottenuto il suo riconoscimento più importante con l’inserimento del complesso di Santa Sofia nei luoghi del potere longobardo d’Italia riconosciuto dall’Unesco.


Orari e costi

 

Per informazioni sugli orari di ingresso ai luoghi e sul costo della visita guidata contattaci >>> qui <<< oppure telefonicamente al 3201783222, ti offriremo il miglior servizio al miglior costo.

INDICAZIONI STRADALI
    • Durata:2h
    • Tipologia:percorso urbano
    • Percorso:facile
  • PREZZO :

    CONTATTAMI
    PER INFO E PRENOTAZIONI

    Per accettazione della Privacy*

      CHIAMAMI
      Inserisci il tuo NUMERO e sarai RICHIAMATO

      Per accettazione della Privacy*

      visita guidata ai Templi di Paestum

       

      Punto d’incontro

       

      La guida attenderà i visitatori nelle vicinanze dell’Arco di Traiano, per poi iniziare la visita guidata alla città di Benevento. Il percorso di visita viene pianificato a seconda delle esigenze del visitatore.


      Dopo la visita guidata

       

      Terminata la visita ci si potrà fermare in centro città per acquistare souvenir o per fermarsi nei bar / ristoranti dove sarà possibile apprezzare la cucina tipica locale. In alternativa, sarà possibile chiedere alla guida le indicazioni per dirigersi in qualsiasi altro posto si desideri andare.


      Cosa fare a Benevento

      Consigli di visita

      Duomo – Cattedrale metropolitana di Santa Maria de Episcopio (piazza Orsini, 33), sorge sulle macerie della Cattedrale romanica (secoli XII-XIII) andata distrutta durante i bombardamenti anglo-americani del settembre del 1943 è aperta tutti i giorni dalle ore 7 alle 12 e dalle 16,30 alle 19 (dalle 17 alle 19,30 orario legale), dal martedì al sabato (eccetto i festivi) dalle ore 9 alle 13 e dalle 16 alle 19 è possibile visitare l’ipogeo e il museo diocesano, un percorso museale realizzato nell’ area archeologica presente sotto il piano di calpestio della Cattedrale tel. 0824323345 oppure 323349. Le Sante messe nei giorni feriali alle ore 7,30 – 9 – 18,30 (19 orario legale) e nei giorni festivi: ore 7,30 – 9 – 11 – 18,30 (19 orario legale).
      Ale spalle del Duomo i trova l’Arco del Sacramento è databile tra la fine del I sec. e l’inizio del II sec. Un tempo costituiva l’ingresso all’area del Foro per chi proveniva dal quartiere del Teatro. Nell’area è presente anche il complesso termale che è parte integrante di un percorso archeologico urbano.
      Teatro romano di Benevento – edificato tra la fine del I e gli inizi del II secolo d.C., è sito nella zona occidentale della città antica. Il monumento, la cui cavea con un diametro di 98 metri, è costruito in opera cementizia con paramenti in blocchi di pietra calcarea e in laterizio. È aperto tutti i giorni dalle ore 9.00 alle 17.40, il biglietto intero ha un costo di 2 euro mentre quello ridotto 1 euro.
      Rete museale – Il percorso si sviluppa seguendo un ordine cronologico nel complesso monumentale di Santa Sofia e in alcuni ambienti dello storico Palazzo Casiello. Fanno parte della rete il Chiostro romanico del XII secolo che, insieme alla chiesa di Santa Sofia, fa parte dal 2011 del sito seriale UNESCO “Longobardi in Italia: i luoghi del potere”. L’esposizione comprende anche la Sezione Sculture e sarcofagi di età romana (infopoint in Piazza Matteotti). Fanno parte della rete anche la Sezione egizia del Museo del Sannio, distaccata presso il Museo Arcos, e il Complesso di Sant’Ilario a Port’Aurea, entrambi visitabili con un unico biglietto integrato.
      Rocca dei Rettori – o Castello di Benevento o Castello di Manfredi, si trova in città ed accoglie la sezione storica del Museo del Sannio con il materiale relativo alla storia della città e del Sannio e la documentazione dell’arte e delle tradizioni popolari.


      Come raggiungere Benevento

       

      In aereo: Aeroporto di Napoli (Capodichino) – 80 Km da Benevento
      In macchina: da Roma , Autostrada A1 Napoli – Milano, Uscita Caianello e percorrere la strada S.S. 372 “Telesina”;
      dall’Autostrada A14 (Bologna – Bari) Uscita Termoli, percorrere la S.S. 88 Dei Due Principati ( Campobasso – Termoli); da Bari, Napoli, Avellino, Salerno, dall’Autostrada A16 Napoli – Bari , uscita Castel Del Lago; da Napoli e Caserta percorrere la S.S. 7 Appia.
      In treno: www.trenitalia.it


      5 out of 5

      Valentina ci ha guidato sabato 11.5 alla visita della Certosa (il mio gruppo era di 4 persone) con grande perizia. In particolare abbiamo trovato puntuali i suoi inquadramenti storici nei vari secoli nonché gli approfondimentillegati ai personaggi che si sono succeduti. Non sono mancati curiosità ed aneddoti. La capacità di

      Antonio Finocchietti
      14 Maggio 2019
      5 out of 5

      La visita con Valentina è stata molto apprezzata da tutto il gruppo (eravamo in 4) soprattutto per la puntuale collocazione dei vari periodi storici molto complessi. Le qualità epatiche di Valentina sono evidenti e dono state apprezzate da tutti.

      Antonio Finocchietti
      13 Maggio 2019
      5 out of 5

      Persona competente e garbata. Assolutamente consigliata.

      Cataldo
      11 Marzo 2019
      5 out of 5

      Abbiamo visitato la Certosa guidati da Valentina, che ha aggiunto al nostro percorso informazioni a 360°. Ci ha illustrato non solo gli interessanti avvenimenti storici ma anche culturali, spaziando, inoltre, tra descrizioni architettoniche e curiosi racconti di vita quotidiana che si sono svolti in questa meravigliosa Certosa.

      Caterina
      11 Marzo 2019
      5 out of 5

      Cortesia e professionalità che hanno reso piacevolissima una splendida visita Consigliata

      Massimo
      11 Marzo 2019
      5 out of 5

      Abbiamo visitato la Certosa di Padula ,accompagnati da Valentina, che è una guida competente e squisita . E’ stata un’esperienza che consiglio a tutti !!!!

      Cristina
      31 Dicembre 2018
      5 out of 5

      Valentina Verga grazie ancora per la professionalità, disponibilità e cortesia sei stata una guida bravissima ricca di informazioni. Laura

      Laura
      26 Novembre 2018
      5 out of 5

      Guida molto preparata e chiara. Brava Valentina.

      Vincenzo Squillante
      4 Novembre 2018
      5 out of 5

      Siamo stati alla Certosa di Padula il 13/10, eravamo un gruppo di otto persone e siamo state tutte molto soddisfatte dalle esaurienti spiegazioni di Valentina. Complimenti e grazie!

      MARZIA BELLERI
      16 Ottobre 2018
      5 out of 5

      Valentina ci ha accompagnato alla scoperta della Certosa con professionalità e tanta simpatia rendendo la visita molto piacevole Bravissima e grazie di cuore. Alla prossima ( magari ad Amalfi...). Daniela

      Daniela
      7 Aprile 2018
      5 out of 5

      Ho contattato Valentina Verga per una visita alla Certosa di Padula con un gruppo di amici.Valentina non è solo una guida eccellente, ma una persona davvero speciale,capace di far gustare la storia, l’arte ,con competenza e professionalità. Grazie Valentina

      Fabrizio martora
      20 Marzo 2018
      5 out of 5

      Valentina Verga guida eccellente sembrava stessimo vivendo in quel momento quello che lei spiegava posto bellissimo bravissima Vale 4 marzo 2018 gruppo accompagnato dalla signora Enza Corato Bari

      Raffaella Scaringella
      5 Marzo 2018
      5 out of 5

      Posto bellissimo la guida Valentina eccelente era come aver vissuto in quei tempi bravissima

      Raffaella Scaringella
      5 Marzo 2018
      5 out of 5

      Visita molto piacevole ed istruttiva grazie alle spiegazioni della nostra guida Sig.na Valentina che era molto preparata. Non c'era moltissima gente forse è poco pubblicizzata meriterebbe di più tenendo in considerazione che è la 2^ Certosa (dopo quella di Grenoble) piu' grande in Europa.

      Anna F.
      4 Novembre 2017

      Oggi abbiamo visitato la certosa in compagnia della guida Valentina, una simpaticissima e preparatissima ragazza. Certamente ha meritato il massimo dei voti. Ci ha saputo illustrare in un modo molto chiaro e professionale l'ambiente storico. Consiglio vivamente la scelta della guida turistica Valentina perchè siamo rientrati a casa arricchiti di

      Filomena Acciardi
      22 Ottobre 2017

      Ricostruzione fresca e spligliata di un'epoca lontana e a tratti inquietante Brava Valentina!

      Vania Rossi
      1 Agosto 2017

      Valentina è una guida professionalmente molto preparata ed allo stesso tempo carismatica, ti coinvolge ed entusiasma nella visione di posti stupendi della penisola campana. Continua così! Emiliana, Francesca, Francesco, Manuela

      Francesca Marcheggiani
      1 Luglio 2017

      Valentina Verga ci hai portato nel passato con maestria e ci hai fatto capire come si viveva nella Certosa poi ci hai illustrato i particolari architettonici e l'ambientazione storica Bravissima Grazie

      Giuseppe
      12 Giugno 2017

      Valentina Verga é stata un'ottima guida nella visita alla Certosa di Padula: gentile, simpatica, disponibile e preparata. Mi rivolgerò a lei per eventuali altre visite in zona

      Lucia Nocera
      12 Giugno 2017

      Guida eccellente in un posto davvero splendido. Grazie Valentina anche per la disponibilità e versatilità con le esigenze di un gruppo variegato. Ha letteralmente ipnotizzato tutti da 3 anni a 60

      Marianna De Luca
      12 Maggio 2017

      Molto competente, simpatica e disponibile Valentina ci ha fatto capire come si svolgeva la vita nella certosa di Padula, oltre ad illustrarci le opere in essa contenute

      Carmine
      2 Maggio 2017

      Valentina ci ha accompagnato durante la visita alla Certosa di Padula in maniera impeccabile. Guida appassionata e molto preparata, simpatica e disponibile per qualsiasi chiarimento.

      Camilla
      2 Maggio 2017

      Valentina è stata una guida veramente squisita, simpatica ed estremamente preparata. Ci ha guidato in un’esperienza unica con sapienza e divertimento. Sicuramente il mio gruppo la richiamerà per altri percorsi

      Leda
      1 Aprile 2017

      Da anni per conto del movimento ecclesiastico cui appartengo, Cursillos di Cristianità, organizzo gite in Italia e all’estero. Per ogni città e luogo visitato finora non ho mai fatto a meno di una guida autorizzata che potesse illustrarci luoghi e monumenti del posto. Quest’anno mi è stato chiesto dall’USELTE, associazione

      Prof. Di Pietro Giuseppe Da Benevento
      11 Marzo 2017
      5 out of 5

      Per cogliere appieno le sfaccettature storico-artistiche che stanno dietro un luogo religioso prima ancora che d'arte, c'è bisogno di una persona preparata, ma soprattutto capace di mantenere su di sé l'attenzione di gente spesso sprovvista di ogni tipo di informazione. Grazie Valentina per così tanta efficienza e professionalità, hai saputo

      Marica Natuzzi
      7 Marzo 2017

      Bravissima!!

      Gennaro
      10 Febbraio 2017

      Aggiungi una recensione

      Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

      TOUR VIDEO


        • Facebook API Error: {"error":{"message":"The user must be an administrator, editor, or moderator of the page in order to impersonate it. If the page business requires Two Factor Authentication, the user also needs to enable Two Factor Authentication.","type":"OAuthException","code":190,"error_subcode":492,"fbtrace_id":"AElSy5QgKGTPnWBjkXTXSWJ"}}
          Reconnecting to Facebook may fix the issue.