Visita guidata a Salerno
Guida Turistica Campania > Tours > Visita guidata a Salerno

Visita guidata a Salerno

L’origine di Salerno potrebbe essere ricondotta ad una colonia greca ed il suo nome deriverebbe da “Salum” (mare) ed “Irnum”. Nel 216 a.C. i romani attribuirono a Salerno lo status di colonia cittadina romana ed il titolo “Ordus Populusque Salernitanus”. La giurisdizione salernitana si estese oltre i confini campani, fino a Reggio a sud e fino allo Ionio, in Puglia. Durante le invasioni barbariche, Salerno fu occupata dai Longobardi che preservarono le più importanti istituzioni, tra cui la “Scuola Medica”. Nel 762 Salerno divenne Principato, retto dal Duca di Benevento, Arechi II, che fu incoronato Principe di Salerno. I Saraceni non riuscirono mai a conquistare la città; famosa è la battaglia dell’anno 871, conclusasi con una carneficina di soldati intorno all’attuale Forte la Carnale. Nel 1075 terminò il dominio dei Longobardi ed iniziò quello dei Normanni, guidati dal grande Roberto il Guiscardo, sotto il cui regno Salerno divenne una città fastosa e potente, con la realizzazione del Castello di Arechi e del Duomo dedicato a S. Matteo Apostolo, Santo Patrono della Città di Salerno, del quale sono qui conservate le spoglie, insieme a quelle di altri Santi tra i quali S. Gregorio Magno. Papa Gregorio VII, perseguitato dal potere dell’epoca, si rifugiò a Salerno, dove concluse la sua vita nel Cenobio di San Benedetto il 25 maggio 1085. Successivamente la città divenne Capitale di un Regno Normanno con Ruggero II, periodo durante il quale si ebbe uno sviluppo notevole delle attività commerciali ed industriali, ma anche degli studi medici e filosofici. La Scuola medica salernitana è stata la prima e più importante istituzione medica d’Europa nel Medioevo (XI secolo); come tale è considerata da molti come l’antesignana delle moderne università. La Scuola si fondava sulla sintesi della tradizione greco-latina completata da nozioni provenienti dalle culture araba ed ebraica. Essa rappresenta un momento fondamentale nella storia della medicina per le innovazioni che introduce nel metodo e nell’impostazione della profilassi. L’approccio era basato fondamentalmente sulla pratica e sull’esperienza che ne derivava, aprendo così la strada al metodo empirico e alla cultura della prevenzione.Con la venuta degli Svevi iniziò la lenta decadenza di Salerno che si accentuò con l’avvento degli Angioini che distrussero la città. Dopo 754 anni di dominio, durante tutto il medioevo, il glorioso Principato di Salerno vide così la sua fine che divenne ancora più definitiva col dominio spagnolo che ridusse la città ai minimi termini sia come popolazione, sia come povertà. Alla fine del XIX secolo Salerno e la sua provincia ebbero una buona ripresa nel campo commerciale ed i salernitani parteciparono attivamente alla lotta per l’Indipendenza, con il decisivo contributo dei ribelli cilentani. Il 6 settembre 1860 entrò in città Giuseppe Garibaldi, alla testa delle Camicie Rosse, e Salerno fu inclusa così nella libera Italia. Nel 1943 la città fu tempestata dai bombardamenti anglo-americani. La notte successiva l’8 settembre, giorno dell’armistizio, gli Alleati diedero inizio all’Operazione Avalanche: centinaia di navi affollarono il golfo da Vietri sul Mare ad Agropoli, mentre dal cielo l’aviazione batteva a tappeto la città di Salerno e la piana di Paestum. L’esercito tedesco cercò di contenere gli Alleati, ma i generali Clark ed Alexander riuscirono a raggiungere Salerno e furono accolti con entusiasmo dalla popolazione. Le battaglie durarono per più di una settimana, con enormi perdite anche tra i civili. Furono completamente distrutti 15.000 vani e quasi un quarto dei fabbricati industriali di Salerno. Oltre l’ottanta per cento degli immobili di Salerno furono danneggiati dai combattimenti. Nel 1944 Salerno fu Capitale d’Italia e fu scelta per ospitare i primi governi del dopoguerra.


Il percorso della visita

 

I visitatori inizieranno il tour con la guida dal piazzale della stazione ferroviaria dal quale si attraverserà tutto il corso del centro cittadino per poi arrivare a Piazza Flavio Gioia, chiamata “Rotonda” dai salernitani, dove sarà possibile ammirare una fontana con la scultura di due delfini, a simboleggiare il legame tra la città ed il mare. Si continua con l’attraversamento del centro storico con l’antica strada medievale di via dei Mercanti, da sempre sede di attività commerciali. Lungo il percorso si troveranno antichi palazzi e chiese, si accederà al Duomo dedicato a San Matteo, e tra le opere artistiche ivi contenute si potranno ammirare il Monumento funebre della Regina Margherita di Durazzo , gli amboni del XII secolo, i mosaici delle absidi laterali, il sepolcro del papa Gregorio VII e i quadri settecenteschi di Francesco Solimena e Francesco De Mura. La visita continua con l’attraversamento di vicoli e cortili del centro storico oggi riqualificato con versi di poesie e murales. Oltrepassando gli archi del Teatro Municipale intitolato a Giuseppe Verdi si accederà alla Villa Comunale, un vero e proprio giardino della città. La visita si conclude sul lungomare da cui è possibile godere della veduta sul golfo di Salerno.


Orari e costi

 

Per il costo della visita guidata contattaci >>> qui <<< oppure telefonicamente al 3493818730, ti offriremo il miglior servizio al miglior costo.

INDICAZIONI STRADALI
    • Durata:2h
    • Tipologia:città
    • Percorso:semplice
  • PREZZO :

CONTATTAMI
PER INFO E PRENOTAZIONI

Per accettazione della Privacy*

CHIAMAMI
Inserisci il tuo NUMERO e sarai RICHIAMATO

Per accettazione della Privacy*

 

Visita guidata alla Certosa di Padula

Punto d’incontro

 

La guida attenderà i visitatori nelle vicinanze della stazione Salerno FS, in piazza Vittorio Veneto.


Dopo la visita guidata

 

Terminata la visita, ci si potrà fermare nel centro cittadino per fare shopping o per fermarsi nei bar / ristoranti dove sarà possibile apprezzare la cucina tipica locale. In alternativa, sarà possibile chiedere alla guida le indicazioni per dirigersi in qualsiasi altro posto si desideri andare.


Cosa fare a Salerno

 

Nel centro di Salerno sono presenti musei e chiese visitabili autonomamente, tra cui il Museo Virtuale della Scuola Medica Salernitana, la Pinacoteca Provinciale, il Giardino della Minerva, il Museo Roberto Papi, il Museo Diocesano, il Museo Archeologico Provinciale, il complesso archeologico di San Pietro a Corte, il Castello Arechi. Spostandosi facilmente nella zona orientale della città con il treno metropolitano o con gli autobus cittadini, sarà possibile addentrarsi nella zona commerciale dei quartieri Mercatello e Pastena con una piacevole passeggiata tra laboratori artigianali e negozi di abbigliamento e di vario genere.


Come raggiungere Salerno

 

E’ possibile raggiungere Salerno in vari modi:
In auto da Nord: A1 Napoli – Salerno, Salerno
A30 Caserta – Roma, uscita Fratte/Salerno centro
In auto da Sud: A3 Salerno-Reggio Calabria, uscita Fratte/Salerno centro
In metropolitana: Collega il centro storico con lo Stadio Arechi in un tempo di percorrenza di circa 15 minuti. ORARI
In nave : Collegamenti giornalieri dal Porto di Salerno con Messina, Catania, Palermo, Olbia, Tunisi, Malta e Valencia. Per maggiori informazioni www.porto.salerno.it –
www.salernostazionemarittima.it
In autobusBusItalia –  SITA: Orari bus
In treno: Stazione Ferroviaria di Salerno     www.trenitalia.it    ​www.italotreno.it


5 out of 5

Valentina Verga grazie ancora per la professionalità, disponibilità e cortesia sei stata una guida bravissima ricca di informazioni. Laura

Laura
26 novembre 2018
5 out of 5

Guida molto preparata e chiara. Brava Valentina.

Vincenzo Squillante
4 novembre 2018
5 out of 5

Siamo stati alla Certosa di Padula il 13/10, eravamo un gruppo di otto persone e siamo state tutte molto soddisfatte dalle esaurienti spiegazioni di Valentina. Complimenti e grazie!

MARZIA BELLERI
16 ottobre 2018
5 out of 5

Valentina ci ha accompagnato alla scoperta della Certosa con professionalità e tanta simpatia rendendo la visita molto piacevole Bravissima e grazie di cuore. Alla prossima ( magari ad Amalfi…). Daniela

Daniela
7 aprile 2018
5 out of 5

Ho contattato Valentina Verga per una visita alla Certosa di Padula con un gruppo di amici.Valentina non è solo una guida eccellente, ma una persona davvero speciale,capace di far gustare la storia, l’arte ,con competenza e professionalità. Grazie Valentina

Fabrizio martora
20 marzo 2018
5 out of 5

Valentina Verga guida eccellente sembrava stessimo vivendo in quel momento quello che lei spiegava posto bellissimo bravissima Vale 4 marzo 2018 gruppo accompagnato dalla signora Enza Corato Bari

Raffaella Scaringella
5 marzo 2018
5 out of 5

Visita molto piacevole ed istruttiva grazie alle spiegazioni della nostra guida Sig.na Valentina che era molto preparata. Non c’era moltissima gente forse è poco pubblicizzata meriterebbe di più tenendo in considerazione che è la 2^ Certosa (dopo quella di Grenoble) piu’ grande in Europa.

Anna F.
4 novembre 2017

Oggi abbiamo visitato la certosa in compagnia della guida Valentina, una simpaticissima e preparatissima ragazza. Certamente ha meritato il massimo dei voti. Ci ha saputo illustrare in un modo molto chiaro e professionale l’ambiente storico. Consiglio vivamente la scelta della guida turistica Valentina perchè siamo rientrati a casa arricchiti di

Filomena Acciardi
22 ottobre 2017

Ricostruzione fresca e spligliata di un’epoca lontana e a tratti inquietante Brava Valentina!

Vania Rossi
1 agosto 2017

Valentina è una guida professionalmente molto preparata ed allo stesso tempo carismatica, ti coinvolge ed entusiasma nella visione di posti stupendi della penisola campana. Continua così! Emiliana, Francesca, Francesco, Manuela

Francesca Marcheggiani
1 luglio 2017

Valentina Verga ci hai portato nel passato con maestria e ci hai fatto capire come si viveva nella Certosa poi ci hai illustrato i particolari architettonici e l’ambientazione storica Bravissima Grazie

Giuseppe
12 giugno 2017

Valentina Verga é stata un’ottima guida nella visita alla Certosa di Padula: gentile, simpatica, disponibile e preparata. Mi rivolgerò a lei per eventuali altre visite in zona

Lucia Nocera
12 giugno 2017

Guida eccellente in un posto davvero splendido. Grazie Valentina anche per la disponibilità e versatilità con le esigenze di un gruppo variegato. Ha letteralmente ipnotizzato tutti da 3 anni a 60

Marianna De Luca
12 maggio 2017

Molto competente, simpatica e disponibile Valentina ci ha fatto capire come si svolgeva la vita nella certosa di Padula, oltre ad illustrarci le opere in essa contenute

Carmine
2 maggio 2017

Valentina ci ha accompagnato durante la visita alla Certosa di Padula in maniera impeccabile. Guida appassionata e molto preparata, simpatica e disponibile per qualsiasi chiarimento.

Camilla
2 maggio 2017

Valentina è stata una guida veramente squisita, simpatica ed estremamente preparata. Ci ha guidato in un’esperienza unica con sapienza e divertimento. Sicuramente il mio gruppo la richiamerà per altri percorsi

Leda
1 aprile 2017

Da anni per conto del movimento ecclesiastico cui appartengo, Cursillos di Cristianità, organizzo gite in Italia e all’estero. Per ogni città e luogo visitato finora non ho mai fatto a meno di una guida autorizzata che potesse illustrarci luoghi e monumenti del posto. Quest’anno mi è stato chiesto dall’USELTE, associazione

Prof. Di Pietro Giuseppe Da Benevento
11 marzo 2017
5 out of 5

Per cogliere appieno le sfaccettature storico-artistiche che stanno dietro un luogo religioso prima ancora che d’arte, c’è bisogno di una persona preparata, ma soprattutto capace di mantenere su di sé l’attenzione di gente spesso sprovvista di ogni tipo di informazione. Grazie Valentina per così tanta efficienza e professionalità, hai saputo

Marica Natuzzi
7 marzo 2017

Bravissima!!

Gennaro
10 febbraio 2017

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TOUR VIDEO


  • guidaturistica.campania.it
    5.0
    powered by Facebook
    Cataldo Maltese
    Cataldo Maltese
    2018-12-03T09:59:30+0000
    Professionale, gentile e simpatica. Una guida preparata che ha intrattenuto benissimo il gruppo.
    Massimo Albanese
    Massimo Albanese
    2018-11-20T13:17:04+0000
    La sig Valentina e stata bravissima nel mostrarci la vita dei certosini siamo rimasti molto soddisfatti tutto il gruppo della Puglia



  • LO SAPEVI CHE...

    ✅ⓘ► 7 ottobre 2018 è #domenicalmuseo – Visita guidata alla Certosa di Padula –

    #DomenicalMuseo, giornata in cui la Certosa di San Lorenzo a Padula e tutti i musei e le aree archeologiche statali saranno visitabili gratuitamente, in applicazione della norma del decreto Franceschini, in vigore

    ✅ⓘ► 2 settembre 2018 è #domenicalmuseo – Visita guidata alla Certosa di Padula –

    #DomenicalMuseo, giornata in cui la Certosa di San Lorenzo a Padula e tutti i musei e le aree archeologiche statali saranno visitabili gratuitamente, in applicazione della norma del decreto Franceschini, in vigore

    X agosto Certosa di Padula, la leggendaria frittata delle 1000 uova per accogliere il Re e la magia delle lacrime dal cielo.

    Un’antica leggenda narra che presso la Certosa di San Lorenzo a Padula, per il passaggio del re Carlo V di Spagna, di ritorno dalla vittoriosa battaglia di Tunisi, i monaci certosini prepararono per

    VISITE GUIDATE PERSONALIZZATE PER:

    Agenzie Viaggi e Tour Operators / Scuole / Grandi gruppi / Famiglie/ Coppie / Disabili sensoriali / Parrocchie / Aziende