Visita guidata ai Templi di Paestum
Guida Turistica Campania > Tours > Visita guidata ai Templi di Paestum

Il Parco Archeologico di Paestum

Paestum è un sito archeologico di estrema importanza, riconosciuto nel 1998 dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, insieme al Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Il sito si trova nel Comune di Capaccio in Provincia di Salerno. La “Piana di Paestum”, così i nostri antenati chiamavano l’estensione pianeggiante dai piedi delle colline al mare, era abitata già nella preistoria. Strabone – il più famoso geografo romano – racconta che Giasone (l’eroe del vello d’oro, la pelle dell’ariete dorato che aveva il potere di guarire per magia), guidando gli Argonauti, sostò alle foci del fiume Sele, dove dedicò un santuario a Hera (protettrice degli Argonauti). Furono la fertilità della piana e l’abbondanza di acque del Sele che avrebbero reso la pianura, poi chiamata pestana, una delle principali tappe tra l’oriente e l’occidente già nel II millennio a.C. I Greci, apprezzando la posizione geografica, vi fondarono intorno al 600 a.C. una città che chiameranno Poseidonia, in onore del dio del mare. Lo sviluppo edilizio significativo prese forma intorno alla metà del VI secolo a.C., infatti la costruzione dei templi cominciò pochi decenni dopo la fondazione della città. I tre templi greci di Paestum, costruiti tra VI e V sec. a.C., sono insieme a quelli di Atene ed Agrigento gli edifici templari meglio conservati dall’età classica. I templi sorgono nella parte centrale della città, che si estende per oltre 120 ettari ed è circondata da una cinta muraria, che anche se non si preserva per tutta la sua altezza, è uno dei circuiti difensivi meglio conservati in Magna Grecia. Il perimetro, di forma trapezoidale, è lungo 4750 metri, con ventotto torri poste a difesa delle quattro porte di accesso alla città: Porta Giustizia, Porta Marina, Porta Sirena e Porta Aurea (distrutta con la costruzione della strada delle Calabrie). Tra i templi era collocato il “mercato”, cioè la piazza centrale dove si tenevano le assemblee dei cittadini e si venerava la tomba (vuota, in realtà) del mitico fondatore di Paestum. Intorno ai templi e al mercato si estendevano i quartieri abitativi. I resti di case, terme e botteghe che si possono vedere oggi sul sito risalgono in gran parte all’età imperiale (I-V sec. d.C.), mentre ignoriamo ancora molti aspetti dell’abitato greco.
La magnificenza di questa colonia, fondata dai coloni achei in fuga da Sibari, suscitò presto mire di conquista nei Lucani, popolazione italica dell’interno, che la occuparono intorno al 400 a.C. mutandone il nome in Paistom. I Lucani, pur non raggiungendo il livello culturale del periodo greco, vi continuarono le attività civili e militari. Cambiarono sia la lingua (dal greco al c.d. osco) sia la cultura materiale e i riti funerari. Non mancano però elementi di continuità, come per esempio il permanere della funzione dei templi.
Ben altra potenza intanto andava espandendosi lungo la Penisola: Roma. Nel 273 a.C. Roma vi fondò una colonia latina e diede alla città il nome di Paestum. Fu un momento di grandi trasformazioni dell’abitato.
Dopo l’abbandono, di Paestum non si parlò più per secoli, pur se i suoi templi si ergevano solenni tra la fitta vegetazione. Un po’ di merito per la riscoperta va ascritto a scrittori e poeti del ‘500 e ‘600 che, con le loro citazioni ne risvegliarono interesse e curiosità. Ma la riscoperta vera e propria ebbe inizio nella prima metà del ‘700. E’ questo il momento in cui Paestum diventa meta di un turismo colto e raffinato, che vedrà intellettuali ed aristocratici europei soggiornare tra le sue rovine come tappa obbligata del Grand Tour. Il sito ha attirato viaggiatori ed artisti come Piranesi e Goethe. Gli scavi della città cominciati nella primavera del 1907 misero in luce gran parte dei monumenti oggi visibili. Con l’arrivo alla direzione degli scavi di Mario Napoli l’area vive un momento di grande attenzione. Sono gli anni della scoperta della tomba del tuffatore e delle ricche tombe lucane. Il 27 novembre del 1952 fu inaugurato Il Museo Nazionale, che introduce con linearità le quattro stagioni cruciali della vita di Paestum e del suo territorio, dalla preistoria alla civilizzazione greca, lucana e romana.


Il percorso della visita

 

I visitatori durante il tour con la guida ammireranno il tempio di Hera, la cosiddetta Basilica, tra i tre è quello più antico, in stile dorico, dalle imponenti dimensioni (ventisei metri di larghezza e cinquantacinque di lunghezza). Si visiterà il tempio più grande, quello di Poseidone, anche detto di Nettuno, paragonabile al tempio di Zeus ad Olimpia, una maestosa meraviglia in stile dorico costruito nel 460 a.C. con un doppio ordine di colonne e sei nel fronte. Il terzo tempio che si visiterà è quello di Cerere, il Santuario dedicato ad Atena, di dimensioni più modeste. Lungo la Via Sacra ci sarà la possibilità di vedere il Foro romano e l’Anfiteatro. Sarà visitato anche il Museo Archeologico Nazionale in cui tra le varie meraviglie esposte si potranno ammirare anche preziosi pezzi come le trentatré metope del tempio di Hera Argiva, la statua di Zeus, il cratere con il ratto di Europa e la famosissima Tomba del Tuffatore.


Orari e costi

 

Gli orari di ingresso ai luoghi sono consultabili >>>qui<<<. Per il costo della visita guidata contattaci >>> qui <<< oppure telefonicamente al 3493818730, ti offriremo il miglior servizio al miglior costo.

INDICAZIONI STRADALI
  • Destinazione:Paestum
    • Durata:2h
    • Tipologia:Parco Archeologico
    • Percorso:facile
  • PREZZO :

CONTATTAMI
PER INFO E PRENOTAZIONI

Per accettazione della Privacy*

CHIAMAMI
Inserisci il tuo NUMERO e sarai RICHIAMATO

Per accettazione della Privacy*

visita guidata ai Templi di Paestum

 

Punto d’incontro

 

La guida attenderà i visitatori nelle vicinanze dell’ingresso del Museo Archeologico, per poi dirigersi verso l’ingresso. E’ previsto anche un percorso sperimentale che ha abbattuto le barriere architettoniche consentendo a tutti di entrare nel tempio.


Dopo la visita guidata

 

Terminata la visita, si attraverserà via Magna Grecia, dove ci si potrà fermare per acquistare souvenirs o per fermarsi nei bar / ristoranti dove sarà possibile apprezzare la cucina tipica locale. In alternativa, sarà possibile chiedere alla guida le indicazioni per dirigersi in qualsiasi altro posto si desideri andare.


Cosa fare a Paestum

 

Paestum è anche sede di numerose aziende agricole e grandi caseifici che producono la famosa mozzarella di bufala. Oltre alle degustazioni direttamente in caseificio, alcuni di essi sono anche visitabili con esperti che illustreranno l’intero ciclo di produzione. Per gli amanti del mare il lido Paestum è il luogo ideale, situato lungo il litorale di Capaccio-Paestum, tra le acque cristalline delle coste del Sud e la natura della macchia mediterranea. Sono presenti moderne strutture balneari dotate di tutti i confort e le attrezzature atte a ricevere i turisti in modo adeguato ed efficiente, al fine di soddisfare il desiderio di relax, divertimento e benessere di adulti e bambini.


Come raggiungere Paestum

 

– In auto: Autostrada A3, uscita Battipaglia se provenienti da Nord oppure Eboli se provenienti dal Sud, seguire Strada Statale 18 in direzione Sud sino all’uscita Paestum.
– In aereo: Salerno Costa d’Amalfi o Aeroporto di Capodichino. “Alibus” da Capodichino a Napoli Stazione C.le (P.zza Garibaldi).
In treno: Stazione di Paestum www.trenitalia.it


5 out of 5

Valentina Verga grazie ancora per la professionalità, disponibilità e cortesia sei stata una guida bravissima ricca di informazioni. Laura

Laura
26 novembre 2018
5 out of 5

Guida molto preparata e chiara. Brava Valentina.

Vincenzo Squillante
4 novembre 2018
5 out of 5

Siamo stati alla Certosa di Padula il 13/10, eravamo un gruppo di otto persone e siamo state tutte molto soddisfatte dalle esaurienti spiegazioni di Valentina. Complimenti e grazie!

MARZIA BELLERI
16 ottobre 2018
5 out of 5

Valentina ci ha accompagnato alla scoperta della Certosa con professionalità e tanta simpatia rendendo la visita molto piacevole Bravissima e grazie di cuore. Alla prossima ( magari ad Amalfi…). Daniela

Daniela
7 aprile 2018
5 out of 5

Ho contattato Valentina Verga per una visita alla Certosa di Padula con un gruppo di amici.Valentina non è solo una guida eccellente, ma una persona davvero speciale,capace di far gustare la storia, l’arte ,con competenza e professionalità. Grazie Valentina

Fabrizio martora
20 marzo 2018
5 out of 5

Valentina Verga guida eccellente sembrava stessimo vivendo in quel momento quello che lei spiegava posto bellissimo bravissima Vale 4 marzo 2018 gruppo accompagnato dalla signora Enza Corato Bari

Raffaella Scaringella
5 marzo 2018
5 out of 5

Visita molto piacevole ed istruttiva grazie alle spiegazioni della nostra guida Sig.na Valentina che era molto preparata. Non c’era moltissima gente forse è poco pubblicizzata meriterebbe di più tenendo in considerazione che è la 2^ Certosa (dopo quella di Grenoble) piu’ grande in Europa.

Anna F.
4 novembre 2017

Oggi abbiamo visitato la certosa in compagnia della guida Valentina, una simpaticissima e preparatissima ragazza. Certamente ha meritato il massimo dei voti. Ci ha saputo illustrare in un modo molto chiaro e professionale l’ambiente storico. Consiglio vivamente la scelta della guida turistica Valentina perchè siamo rientrati a casa arricchiti di

Filomena Acciardi
22 ottobre 2017

Ricostruzione fresca e spligliata di un’epoca lontana e a tratti inquietante Brava Valentina!

Vania Rossi
1 agosto 2017

Valentina è una guida professionalmente molto preparata ed allo stesso tempo carismatica, ti coinvolge ed entusiasma nella visione di posti stupendi della penisola campana. Continua così! Emiliana, Francesca, Francesco, Manuela

Francesca Marcheggiani
1 luglio 2017

Valentina Verga ci hai portato nel passato con maestria e ci hai fatto capire come si viveva nella Certosa poi ci hai illustrato i particolari architettonici e l’ambientazione storica Bravissima Grazie

Giuseppe
12 giugno 2017

Valentina Verga é stata un’ottima guida nella visita alla Certosa di Padula: gentile, simpatica, disponibile e preparata. Mi rivolgerò a lei per eventuali altre visite in zona

Lucia Nocera
12 giugno 2017

Guida eccellente in un posto davvero splendido. Grazie Valentina anche per la disponibilità e versatilità con le esigenze di un gruppo variegato. Ha letteralmente ipnotizzato tutti da 3 anni a 60

Marianna De Luca
12 maggio 2017

Molto competente, simpatica e disponibile Valentina ci ha fatto capire come si svolgeva la vita nella certosa di Padula, oltre ad illustrarci le opere in essa contenute

Carmine
2 maggio 2017

Valentina ci ha accompagnato durante la visita alla Certosa di Padula in maniera impeccabile. Guida appassionata e molto preparata, simpatica e disponibile per qualsiasi chiarimento.

Camilla
2 maggio 2017

Valentina è stata una guida veramente squisita, simpatica ed estremamente preparata. Ci ha guidato in un’esperienza unica con sapienza e divertimento. Sicuramente il mio gruppo la richiamerà per altri percorsi

Leda
1 aprile 2017

Da anni per conto del movimento ecclesiastico cui appartengo, Cursillos di Cristianità, organizzo gite in Italia e all’estero. Per ogni città e luogo visitato finora non ho mai fatto a meno di una guida autorizzata che potesse illustrarci luoghi e monumenti del posto. Quest’anno mi è stato chiesto dall’USELTE, associazione

Prof. Di Pietro Giuseppe Da Benevento
11 marzo 2017
5 out of 5

Per cogliere appieno le sfaccettature storico-artistiche che stanno dietro un luogo religioso prima ancora che d’arte, c’è bisogno di una persona preparata, ma soprattutto capace di mantenere su di sé l’attenzione di gente spesso sprovvista di ogni tipo di informazione. Grazie Valentina per così tanta efficienza e professionalità, hai saputo

Marica Natuzzi
7 marzo 2017

Bravissima!!

Gennaro
10 febbraio 2017

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TOUR VIDEO


  • guidaturistica.campania.it
    5.0
    powered by Facebook
    Cataldo Maltese
    Cataldo Maltese
    2018-12-03T09:59:30+0000
    Professionale, gentile e simpatica. Una guida preparata che ha intrattenuto benissimo il gruppo.
    Massimo Albanese
    Massimo Albanese
    2018-11-20T13:17:04+0000
    La sig Valentina e stata bravissima nel mostrarci la vita dei certosini siamo rimasti molto soddisfatti tutto il gruppo della Puglia



  • LO SAPEVI CHE...

    ✅ⓘ► 7 ottobre 2018 è #domenicalmuseo – Visita guidata alla Certosa di Padula –

    #DomenicalMuseo, giornata in cui la Certosa di San Lorenzo a Padula e tutti i musei e le aree archeologiche statali saranno visitabili gratuitamente, in applicazione della norma del decreto Franceschini, in vigore

    ✅ⓘ► 2 settembre 2018 è #domenicalmuseo – Visita guidata alla Certosa di Padula –

    #DomenicalMuseo, giornata in cui la Certosa di San Lorenzo a Padula e tutti i musei e le aree archeologiche statali saranno visitabili gratuitamente, in applicazione della norma del decreto Franceschini, in vigore

    X agosto Certosa di Padula, la leggendaria frittata delle 1000 uova per accogliere il Re e la magia delle lacrime dal cielo.

    Un’antica leggenda narra che presso la Certosa di San Lorenzo a Padula, per il passaggio del re Carlo V di Spagna, di ritorno dalla vittoriosa battaglia di Tunisi, i monaci certosini prepararono per

    VISITE GUIDATE PERSONALIZZATE PER:

    Agenzie Viaggi e Tour Operators / Scuole / Grandi gruppi / Famiglie/ Coppie / Disabili sensoriali / Parrocchie / Aziende